Cerca nel blog

giovedì 11 aprile 2013

L'anima nascosta del mondo.


In Mostra: Creatures di Stefano Zagaglia


Pubblico sorpreso all''inaugurazione del 10 Aprile 2013

Viste dal vero le opere pittoriche di Stefano Zagaglia sono davvero spettacolari. L'intensità del taglio e della coloritura è tale che un olio 80 x 80 proietta la sua forza visiva a grandissima distanza. Per amore della natura e passione viscerale per l'Africa, Stefano tende a presentare le sue Creatures, come un lavoro wildlife. Ma è solo la sua modestia a parlare.

I suoi orizzonti d'artista sono molto più vasti. Universali nell'espressione del mondo che mette in scena, internazionali nelle potenzialità di carriera. E' fotografo e art director di se stesso. Le sue zebre e i sui leoni sono inquadrati in modo drammaturgico, la zummata sul volto di un elefante lascia come focale una zanna, una sola. L'occhio della tigre è una calamita per lo sguardo dello spettatore, che è proiettato lontano in una foresta che non ha bisogno di apparire.

Il fotorealismo a cui si potrebbe inscrivere la tecnica di Zagaglia, non è virtuosismo freddo. C'è calore nella struttura tonale delle sue creature, volume corporeo. La pennellata è chiaramente visibile a distanza ravvicinata, ma la fatica di settimane di lavorazione nelle sue tavole non si sente. Tutto -- nella composizione, nella luce, nel colore -- si posa poeticamente dove per natura dovrebbe essere. Queste enormi bestie sembrano avvicinarsi ed entrare docilmente nel fotogramma del dipinto. E rivelare nei loro occhi, resi con eccellente liquidità e trasparenza, tutta l'anima nascosta del mondo.

Pubblico sorpreso ed entusiasta alla vernice del 10 aprile. Davvero bella la mostra d'esordio di Stefano Zagaglia alla Spazio Fare Pittura di Milano. Le sue Creatures, Paintings from the Africa wilderness resteranno in esposizione fino al 24 aprile 2013. Visite su appuntamento al cell 338 1328003. www.farepittura.it

Francesco Fontana